Customer Stories
Customer Stories

Università di Pavia - Stampa 3D per chirurgia

Settore: MEDICINA - Tecnologia: Stratasys PolyJet

L'Università di Pavia utilizza la stampa 3D per sviluppare piani chirurgici dettagliati e fornire assistenza ai pazienti una migliore qualità per le operazioni a basso rischio.
Nel valutare la procedura chirurgica ci siamo resi conto che con la tecnologia di stampa 3D potevamo creare modelli da usare per la pianificazione degli interventi, in modo da ridurre potenzialmente il tempo trascorso dai pazienti in sala operatoria.” – Andrea Pietrabissa e Ferdinando Auricchio, Università di Pavia
Attraverso la conversione delle immagini della TAC in guide chirurgiche stampate in 3D, l’Università di Pavia ha trasformato la preparazione degli interventi chirurgici e adesso produce modelli chirurgici su base individuale, inclusa chirurgia splenica e la donazione di rene da vivente. Il modello anatomico stampato in 3D riduce rischi inaspettati ed aiuta i chirurghi ad individuare i punti di accesso per i loro strumenti durante laparoscopie e operazioni di chirurgia robotica.

Leggi il case study

Audi - Prototipazione alla velocità della luce

Settore: AUTOMOTIVE - Tecnologia: Stratasys PolyJet

Grazie alla stampante Stratasys J750, i progettisti di Audi possono ora passare dall'idea al prototipo in un batter d'occhio.

Il team Audi utilizza tradizionalmente la fresatura o lo stampaggio per produrre singole parti. La sfida principale con queste tecniche di produzione sono le coperture multicolori degli alloggiamenti delle luci posteriori. Queste singole parti di colore devono essere assemblate, in quanto non possono essere prodotte in un unico pezzo. Questo processo, che richiede molto tempo, aumenta i tempi di consegna per la verifica della progettazione e, successivamente, ritarda il time-to-market.
Per semplificare il processo, il centro di stampa 3D di Audi Plastics utilizzerà la stampante 3D multi-materiale a colori, Stratasys J750. Ciò consentirà la produzione di copri fanali posteriori completamente trasparenti e multicolore in un'unica stampa. Con oltre 500.000 combinazioni di colori disponibili, il team può stampare parti trasparenti in 3D in più colori e texture che soddisfano i severi requisiti del processo di approvazione del design Audi.
"Abbiamo bisogno di prototipi per ottenere le geometrie esatte delle parti, nessuna distorsione e qualità estremamente elevata, così come colori e trasparenza realistici. La stampante 3D Stratasys J750 ci offrirà un vantaggio significativo, poiché ci consente di stampare le trame e i colori esatti stabiliti dal nostro progetto" afferma il dott. Tim Spiering, responsabile del Centro di stampa 3D di Audi Plastics.

Guarda il video case study

Lamborghini velocizza la produzione con parti stampate in 3D

Settore: AUTOMOTIVE - Tecnologia: Stratasys FDM

Automobili Lamborghini S.p.A utilizza la stampa 3D con tecnologia FDM di Stratasys per creare parti di produzione ad alta resistenza in grado di sopportare i rigori delle gare di automobilismo ad alta velocità, oltre a creare geometrie complesse in tempi molto ristretti. "Utilizziamo la tecnologia Stratasys® per produrre prodotti stampati con FDM parti perché, semplicemente, soddisfa tutti i requisiti richiesti", spiega Fabio Serrazanetti del dipartimento tecnico della carrozzeria di Lamborghini.

Leggi il case study

GKN Driveline - Riduce i tempi morti in produzione con attrezzature stampate in 3D

Settore: AUTOMOTIVE - Tecnologia: Stratasys FDM

Lo stabilimento GKN Driveline di Firenze produce componenti di trasmissione chiave per il Gruppo Fiat Chrysler Automobiles. Con la lavorazione CNC interna a pieno regime, la divisione di Firenze ha iniziato a esternalizzare un'alta percentuale del suo sviluppo di utensili. L'impianto necessitava di una soluzione alternativa per accelerare la produzione degli utensili. La precedente esperienza con la stampa 3D di Stratasys FDM ha portato la divisione ad investire in una stampante 3D Stratasys Fortus 450mc per la capacità di combinare precisione e materiali robusti con un'eccezionale tolleranza. "La stampa 3D ci consente di superare le barriere tradizionalmente associate alla lavorazione CNC, aiutandoci a realizzare i nostri progetti più complessi, nonché a stampare strumenti personalizzati quando necessario. Queste funzionalità ci consentono di migliorare la flessibilità del nostro workbench, ottimizzare il nostro flusso di lavoro ed eliminare i costosi tempi di fermo della linea di produzione" afferma Carlo Cavallini di GKN Group.

Leggi il case study

Safilo realizza occhiali per marchi di alta moda a tempo di record con la stampa 3D

Settore: OCCHIALERIA - Tecnologia: Stratasys Polyjet

Safilo è il secondo produttore mondiale di occhiali con un portafoglio impressionante che include 25 marchi di lusso oltre a cinque marchi proprietari. L'elevato numero di frame prodotti dalla società richiede costante innovazione e throughput efficiente durante il processo di progettazione. In precedenza, l'azienda produceva i prototipi concettuali con una macchina CNC, che il team avrebbe utilizzato come modello per lo sviluppo manuale dei prototipi reali. Nel tentativo di superare i colli di bottiglia associati alla produzione tradizionale, Safilo ha investito in una stampante 3D multi-materiale a colori Stratasys J750, che, oltre a semplificare il flusso di lavoro di prototipazione, ha anche permesso di realizzare prototipi con un realismo maggiore.

Leggi il case study

 
 

NIDEK Technologies valuta la sperimentazione clinica dei sistemi diagnostici oftalmici

Settore: MEDICALE - Tecnologia: Stratasys POLYJET

NIDEK Technologies - la struttura di ricerca e sviluppo dedicata di NIDEK Co. LTD, uno dei maggiori produttori al mondo di apparecchiature oftalmiche specialistiche per la medicina e la chirurgia - riduce del 75% i costi di prototipazione e accelera i cicli di sviluppo del 50% grazie alla stampante 3D Stratasys Objet500 Connex3. "Il nostro processo di prototipazione è diventato molto più snello da quando abbiamo incorporato la stampa 3D di Stratasys nel nostro flusso di lavoro", afferma Cesare Tanassi, CEO di Nidek Technologies.

Leggi il case study

 
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni